You are here

Impronte: geocaching per l’active ageing

Il progetto “Impronte” va a collocarsi nell’ambito di una serie di iniziative promosse dalla Fondazione Bruno Kessler in collaborazione con il Centro di Competenza TrentinoSalute4.0 dell’Assessorato alla Salute e Solidarietà Sociale della Provincia di Trento, volte alla promozione della salute e di stili di vita sani, e mira, nello specifico, ad incoraggiare l’invecchiamento attivo attraverso il geocaching, un’attività basata sul movimento all’aria aperta e sull’utilizzo di tecnologie ICT. L’obiettivo del progetto è quindi quello di promuovere il benessere fisico, mentale e sociale di un gruppo di persone anziane, nonché di dare loro la possibilità di acquisire/migliorare le loro competenze digitali e di combattere il gap intergenerazionale grazie al possibile coinvolgimento di un istituto scolastico. 
Per active ageing, o invecchiamento attivo, s’intende un processo finalizzato alla realizzazione delle potenzialità fisiche, mentali e sociali delle persone anziane. Negli ultimi anni lo sviluppo delle ICT ha messo in campo nuove opportunità per migliorare la salute e l'indipendenza delle persone anziane. Un’attività innovativa e ancora poco esplorata nell’ambito della promozione dell’invecchiamento attivo è il geocaching, un tipo di caccia al tesoro in cui i partecipanti utilizzano un ricevitore GPS per nascondere o trovare oggetti reali o virtuali. Il geocaching permette di combinare l’acquisizione di competenze digitali con il mantenimento del benessere fisico e mentale, e di combattere lo stile di vita sedentario attraverso la promozione di uno stile di vita all’aria aperta. Con il progetto Impronte vorremmo proporre un’attività di geocaching ad un gruppo di persone anziane, con la possibilità di coinvolgere una o più classi scolastiche, ponendoci quindi un duplice obiettivo: da una parte la promozione dell’attività fisica e del benessere mentale e sociale dei partecipanti, che vengono stimolati a fare esercizio fisico in compagnia e a tenere allenata la mente attraverso la risoluzione di quesiti incentrati sulla memoria del territorio trentino. Dall’altra, un’attività incentrata sull’utilizzo di dispositivi mobile può favorire l’acquisizione di competenze digitali, che permette di colmare il gap intergenerazionale grazie all’affiancamento agli alunni nativi digitali ed alla partecipazione attiva nell’inclusione di nuovi contenuti.

ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO:

Il team di lavoro è composto da una responsabile/ricercatrice, tre tecnologi, due operatori del Centro Contrada Larga. Durante la prima fase del progetto, presso il Centro Servizi Anziani “Contrada Larga” si svolgerà un incontro informativo al fine di sensibilizzare i possibili partecipanti al progetto sul tema dell’invecchiamento attivo. Nella prima fase del progetto si svolgeranno dei corsi di formazione rivolti alle persone anziane, incentrati sull’utilizzo dello smartphone, del portale web e dell’applicazione mobile indispensabili allo svolgimento dell’attività di geocaching. Le persone anziane potranno essere affiancate dagli alunni dell’istituto scolastico coinvolto.

Lo studio pilota prevede:

  • Una giornata di test per provare il funzionamento della app insieme ad un gruppo di quattro persone anziane, un operatore del centro servizi e due ricercatori FBK.
  • Un incontro di promozione del progetto presso il Centro Servizi Anziani: spiegazione del progetto, raccolta prime adesioni.
  • La formazione di un gruppo di “creatori di tappe” (persone anziane che hanno difficoltà a muoversi ma che desiderano comunque partecipare); vengono formate le squadre e si nominano i capisquadra.
  • L’istruzione dei capisquadra da parte dei ricercatori FBK sull’utilizzo dello smartphone, sul funzionamento del geocaching e sull’utilizzo della app.
  • L’organizzazione delle tappe della caccia al tesoro da parte del gruppo dei creatori e dei ricercatori FBK.
  • L’organizzazione di incontri settimanali (le tappe della ciaccia al tesoro), in cui i partecipanti (persone anziane ed alunni), divisi in gruppi, dovranno raggiugere delle      tappe e risolvere domande ed indovinelli incentrati sulla storia del territorio trentino. L’attività sarà supportata dall’utilizzo di un contapassi che permetterà di accumulare punti a seconda del numero di passi svolti quotidianamente dai componenti della squadra, stimolando ulteriormente lo svolgimento di attività fisica.
  • Un evento finale con la consegna del tesoro ai vincitori

Il coinvolgimento delle persone anziane nel progetto avverrà in un’ottica di progettazione partecipata, secondo cui le varie tappe della caccia al tesoro verranno organizzate con la loro collaborazione. La partecipazione al progetto permetterà inoltre alle persone anziane coinvolte di individuare le criticità insite negli attuali strumenti utilizzati per fare geocaching e di contribuire in un’ottica di progettazione partecipata all’implementazione una app per il geocaching maggiormente “user friendly”.

RISULTATI RAGGIUNTI:

Il progetto si propone di stimolare i partecipanti nello svolgimento di attività fisica all’aperto, migliorando, allo stesso tempo, la loro conoscenza delle potenzialità dello smartphone. Impronte potrà contare sulla collaborazione con il Centro Servizi Anziani “Contrada Larga”, con cui FBK ha attivato già da qualche anno una stretta collaborazione. L’eventuale coinvolgimento di un istituto scolastico apporterà un ulteriore vantaggio in termini di scambio di competenze e conoscenze tra differenti generazioni.

IMPATTO:

Il progetto si caratterizza per l’aspetto innovativo dell’attività di geocaching, che permette di unire la possibilità di contrastare l’invecchiamento fisico e cognitivo all’approfondimento dell’utilizzo delle tecnologie mobile. La libertà di azione propria dell’attività di geocaching dovrebbe consentire ai partecipanti, al termine dell’attività progettuale, di proseguire autonomamente nell’attività di creazione e ricerca dei “cache”, stimolando l’organizzazione autonoma di socializzazione mediata (creazione di cache…) e non (uscite di gruppo…). La app di geocaching a misura di persona anziana potrà essere utilizzata anche in altri centri/circoli anziani, che avranno la possibilità di organizzare attività di geocaching in un’ottica di promozione di wellbeing e sani stili di vita.

Date: 
Wednesday, 1 February, 2017 to Sunday, 31 December, 2017
Duration: 
11 months
Partners: 
  • Fondazione Bruno Kessler (FBK);
  • Centro Servizi Anziani Contrada Larga di Trento.
Contacts: 

Silvia Fornasini